Maurizio Soldini ‘Lo spolverio delle meccaniche terrestri’

Da poco è uscito ‘Lo spolverio delle meccaniche terrestri’ (Il Convivio Editore). Si tratta di una raccolta in versi dalla vivacità stilistica, lì dove le parole diventano un sentimento corale e di significato profondo. L’ opera affronta diverse tematiche però non di frammentazione, ricerca di costanti bagliori, facendo delle immersioni nella propria quotidianità.

Soldini è una voce originale della poesia Italiana Contemporanea, mai scontato e molto apprezzato da poeti come:

Giuseppe Manitta, Maurizio Cucchi, Valerio Magrelli, Roberto Mussapi, Biancamaria Frabotta, Antonietta Gnerre, Elio Pecora, Giuseppe Conte, Maria Pia Quintavalla, e tanti altri ancora.

Ecco alcune poesie inedite tratte da ‘Lo Spolverio delle meccaniche Terrestri’ (IlConvivio 2019)

FRONTIERA

ora il viaggio strema dentro i vicoli

oscurando i passi dietro i lampioni

artificio della rimessa in conto

subitanee dicerie di frontiera

albeggia a un tratto si volta strada

quando va incontro al decidibile uso

di rivedere quel che resta a fronte

la meraviglia di un risveglio crudo

come la scia che avvolge un paramento

di una casa a latere del convoglio

che fugge e lagna verso la campagna

sotto la nuvola si leva un vento rado

orchestra un sibilo di fratellanza

si scioglie la scommessa nell’ abbraccio

***

PASSAGGIO IN PAESAGGIO

quella volta che scivolammo sul greto

della marana la sua bontà l’inesperienza

era l’adolescenza al capolinea e l’altro

la diligenza vuota era quel trentasei nero

il tragitto alla garibaldina verso porta pia

a mettere la palla al centro della gioventù

***

lo spolverio delle meccaniche terrestri

si sente dal vagabondare nelle strade

per queste allucinate algebre dei corpi

qualche bagliore da scontare si scorge

dentro il logorio nelle viandanze

riflesse nella sera alle vetrine dei negozi

Maurizio Soldini è nato nel 1959 a Roma, dove tutt’ ora vive. Ha pubblicato le seguenti raccolte di versi:

Frammenti di un corpo e di un’ anima (Aracne,2006), In controluce (con Prefazione di Stefano Verdino, LietoColle, 2009), Uomo. Poemetto di bioetica (LietoColle, 2010), La porta sul mondo (Giuliano Ladolfi Editore,2011), Solo per lei. Effemeridi baciate dal sole (LietoColle, 2013) È da poco stato pubblicato (febbraio 2019) Lo spolverio delle meccaniche terrestri per Il Convivio Editore.

Maurizio Soldini è anche presente in numerose antologie poetiche. Sue poesie sono comparse su Riviste cartacee e on-line. Suoi inediti stanno per essere pubblicati sul nuovo numero in uscita della rivista accademica La questione romantica, Liguori Editore, 2019. Diversi anche suoi interventi critici, ha collaborato con Il Messaggero e Avvenire. Attualmente collabora assiduamente con diverse Riviste a stampa come Sulle tracce del Frontespizio.

di Giuseppe Rigotti

Riproduzione riservata